Gli #UTP (Unlikely to pay) lordi rappresentano il 36% delle esposizioni deteriorate delle banche (99 miliardi di euro su 276).

Cifre importanti riferibili però a posizioni sulle quali una Banca può lavorare per riportare la posizione in bonis. Anche l’articolo allegato definisce tale attività della Banca come “Un mestiere che deve essere fatto con competenza ed esperienza e con tutte le informazioni possibili (che solo la banca che ha erogato il finanziamento può avere ) e con la consapevolezza che alcuni clienti andranno abbandonati al loro destino; e che altri andranno aiutati a risollevarsi consentendo loro più tempo, a volte ristrutturando il credito e anche dando loro nuova finanza per farli crescere”. Ma siamo sicuri che la Banca può occuparsi di queste posizioni da sola ?

La banca non può certo “entrare” in Azienda svolgendo attività di supporto manageriale all’Imprenditore che è stato definito un “improbabile pagatore”, e siccome le ragioni delle difficoltà di pagamento che hanno qualificato l’imprenditore come “UTP” risiedono quasi sempre in problematiche gestionali (interne o esterne all’azienda) l’unica soluzione per risollevarlo e farlo tornare in bonis è quella di affiancarlo da esperti manager che con formule innovative e costi ragionevoli possano mettere a sua disposizione professionalità di alto livello che lo riportino in bonis.
#MOD – Management on Demand (www.managementondemand.it), la più grande società di time management in Italia è in grado di offrire tali risposte garantendo a tutti gli stake holders una opportunità di soluzione.

Clicca qui per leggere l’articolo allegato.

Marco Rossini,
Presidente MOD – Management On Demand

Leave a Comments